R: R: R: [webaccessibile] Accessibilità: riflessio ne

Michele Forese SitiLab m.forese a sitilab.com
Dom 31 Ott 2004 11:55:46 CET


Ciao Luca,
l'interfaccia tipo "word" è però applicabile ai campi textarea, ma posso
avere necessità di inserire un acronimo & co. anche nei campi input.

Io sono del parere che stiamo parlando di due cose distinte, una è
l'interfaccia di un software e l'altra un documento raggiungibile sul web
che consente di aggiornare altri documenti web. Secondo me va realizzato nel
linguaggio del web, e con l'interfaccia che il web è in grado di produrre,
le altre sono soluzioni che tendono a riprodurre un'interfaccia tipo "word"
su un determinato tag del documento lasciando scoperti tutti gli altri che
pure consentono di inserire testo. Non sono una soluzione valida, si applica
solo perchè si ritiene che l'utente medio sia "tordo", va invece formato ed
istruito.
Solo così si garantirà a tutti la possibilità di operere nel web.

Ricordo che le wcag richiedono che il documento sia utilizzabile anche senza
script. In questo caso l'unica alternativa è che l'utente sia un webmaster,
ma allora non ha bisogno di avere un'iterfaccia tipo "word" data che scrive
il codice con un semplie notepad o simili.

Saluti

Michele Forese

www: http://sitilab.com
mail: m.forese a siilab.com

-----Messaggio originale-----
Da: webaccessibile-bounces a itlists.org
[mailto:webaccessibile-bounces a itlists.org]Per conto di Next Design |
Luca Mascaro ::.
Inviato: domenica 31 ottobre 2004 10.04
A: 'La mailing list di webaccessibile.org'
Oggetto: RE: R: R: [webaccessibile] Accessibilità: riflessio ne


Ragazzi sta di fatto che purtroppo il tutto rimane sempre sotto la
responsabilità del redattore che può tralasciare comunque tutti gli acronimi
e le abbreviazioni.

In ogni caso usabilmente parlando un'interfaccia grafica in stile "word" è
ancora la migliore soluzione per il 99% degli utenti tranne appunto quelli
con disabilità a cui non si è ancora trovata un unica soluzione efficiente,
e dove le soluzioni attuali sono tipo la seguente

http://www.inference.phy.cam.ac.uk/dasher/italiano/DasherSummary2.html

Per tornare alla risoluzione degli acronimi&co in un CMS a mio vedere la
soluzione migliore è quella (oltre della formazione e della
responsabilizzazione) del miglioramento ciclico usato già in alcune
metodologie di programmazione avanzata come il RUP (Rational Unified
Process).

In pratica il redattore scrive il suo testo e dimentica di chiarire 2
acronimi, il sistema già di base dovrebbe attingere ad una banca dati di
acronimi, verificare se sono presenti ed eventualmente dare un riscontro al
redattore, in seguito il sistema deve controllare il testo e verificare i
potenziali acronimi secondo alcuni schemi linguistici che possono
identificarli verificando le lettere che in lingua italiana non possono
essere vicine (con questo sistema si trovano spesso anche i testi in altre
lingue poiché non corrispondono).

Infine si da un qualche mezzo agli utenti per poter dare un riscontro sugli
acronimi & co non chiariti, una specie di bug tracker per i testi.

Altre soluzioni onestamente non ne vedo visto che stiamo parlando di un
azione fortemente sottoposta ad errore umano.

Saluti

Luca Mascaro [Nemo]

---
Web Standards Evangelist(tm)
---
personal: http://www.lucamascaro.info
work: http://www.next-design.net | http://www.phiware.ch
association: http://www.ioshi.org
---
Non chiedetevi cosa il Web può fare per voi,
ma cosa voi potete fare per il Web
*** Be Strict To Be Cool ***


_______________________________________________
webaccessibile mailing list
webaccessibile a itlists.org
http://itlists.org/mailman/listinfo/webaccessibile

---
Incoming mail is certified Virus Free.
Checked by AVG anti-virus system (http://www.grisoft.com).
Version: 6.0.786 / Virus Database: 532 - Release Date: 29/10/2004

---
Outgoing mail is certified Virus Free.
Checked by AVG anti-virus system (http://www.grisoft.com).
Version: 6.0.786 / Virus Database: 532 - Release Date: 29/10/2004




Maggiori informazioni sulla lista webaccessibile