[webaccessibile] Backoffice & WCAG

Maurizio Boscarol maurizio a usabile.it
Ven 26 Mar 2004 15:52:07 CET


Roberto:

>(i cms) Rientrano nel concetto di Autoring Tool definito nelle ATAG 1.0
>
>http://www.w3.org/TR/ATAG10/#def-authoring-tool
>
>(..)
>
>Fino a qua siamo d'accordo. 
>

Ed è già qualcosa. Ma faremo bene a tenere a mente questa cosa.

>Ora però mi chiedo una cosa: l'oggetto
>(plugin, chiamalo come vuoi) che viene inserito all'interno di una
>pagina web tramite l'elemento <object> o tramite javascript varie dovrà
>rispettare i requisiti di accessibilità di quell'elemento?
>Il punto di controllo 8.1 delle WCAG 1.0 dovrà essere applicato o no
>secondo te?
>  
>

Dovrà essere applicato *alle pagine web*. I CMS sono *applicazioni web*, 
dunque non si applicano le wcag 1.0. Per me è proprio semplicissimo, 
lapalissiano.

Probabilmente le ATAG diranno (o dovranno dire) che anche gli object dei 
cms dovranno essere resi accessibili- ma spetta a loro dirlo, non alle 
wcag. Il problema non è cosa fare, ma l'ambito di applicazione di ogni 
documento. Se le atag sono ancora carenti, non le si può certo integrare 
dicendo "be, allora usiamo le wcag, che sono più dettagliate". E' 
l'ambito di applicazione che è diverso.

>Le ATAG 1.0 non sono altro che un'espansione dei requisiti delle WCAG
>per la generazione di contenuti con strumenti che siano anch'essi
>accessibili: applicandola ai CMS e ai gestori di contenuti tramite Web è
>quindi una logica espansione di quanto chiesto dal punto di controllo
>8.1 e dagli altri elencati nella precedente mail relativi alle WCAG 1.0.
>  
>

Applicandola cosa? La frase mi pare un po' scombinata, non ho capito.

>Roberto:
>Le WCAG 1.0 competano le ATAG 1.0 dove non è ben specificato come
>trattare le interfacce di pubblicazione (vedi i form, ecc. ecc.). 
>
Non è vero: capisco che questa sia la tua idea, ma è tua. Non è scritto 
da nessuna parte, e soprattutto sovrapponi due documenti che hanno 
diversi ambiti di applicazione, quindi sono *non sovrapponibili*. In 
futuro le atag applicheranno ai cms parti delle wcag? Mi sta bene, ma 
dovranno sempre essere le atag a dirlo, e a normare i cms, sennò si 
svuota reciprocamente il senso dei due documenti, che mi pare invece 
chiarissimo: sei d'accordo anche tu. Sennò applichiamo quel che ci pare 
a ciò che ci fa più comodo. Potrebbe anche essere *utile*, ma è 
sbagliato di principio. E certo non sta scritto nelle wcag...

>Forse
>nelle ATAG 2.0 e nelle WCAG 2.0 la distinzione sarà più chiara
>

E farà meglio ad esserla... ;)

> ma
>basandosi sulle raccomandazioni attualmente utilizzabili è chiarissimo
>come un CMS sia soggetto sia alle WCAG 1.0 che alle ATAG 1.0 -
>  
>
E' chiarissimo solo per te. Non c'è scritto *da nessuna parte*. I 
contenuti sono contenuti, gli authoring tools sono authoring tools. 
Sennò tanto vale unificare i documenti. La tecnologia (html, js, css...) 
con cui sono costruiti i cms non c'entra proprio niente. Non sono 
contenuti, ma applicazioni. Le applicazioni possono essere fatte in 
mille maniere, le atag e solo le atag devono applicarsi sempre e 
comunque, a mio parere. Sennò non capisco il senso.

>quest'ultime applicabili specificatamente all'editor visuale che genera
>i contenuti e al contenuto generato dallo stesso.
>  
>

Ma neanche per sogno. L'editor visuale sempre authoring tool è, ed è 
dunque soggetto alle atag.  Il contenuto generato è sempre contenuto, e 
se deve andare sul web è soggetto alle wcag. Secondo me è chiarissimo, e 
una volta tanto nemmeno ambiguo...

Ciao

M-


Maggiori informazioni sulla lista webaccessibile