[webaccessibile] 7 Web accessibility myths

Giacomo Amelotti giacomo a eventips.it
Gio 10 Giu 2004 17:20:15 CEST


Maurizio Boscarol:
Mi convince meno la storia delle descrizioni testuali dell'atmosfera. 
Si tratta di esercizi di stile, e certo lo stile per un cieco  altro. 
Sta forse nel tono della voce, nel modo di parlare o di scrivere, nella 
prosodia... cose che noi vedenti probabilmente non apprezziamo 
abbastanza, accecati come siamo dal visivo... ;-)

Giacomo Amelotti:
Non avevo sollevato io la questione dell'ambientazione di un sito che 
da qualcosa di piu' di un freddo sito di solo testo. Era stato lo 
stesso Germano Carella, nell'ambito di una discussione fatta qui sui 
siti paralleli a dire che lui preferiva entrare nei siti "non 
accessibili" anche se contenevano animazioni e grafica se questa gli 
era descritta, gli serviva a farsi un idea della scenografia. E' chiaro 
che uno screen reader non puo' dare suggestioni date dal tono di voce o 
altro pero' la descrizione dell'ambiente e' comunque un informazione 
che puo' interessare o meno al non vedente. Con L'uso dei CSS per 
controllare tutta la grafica siamo noi a decidere che il non vedente 
non avra' diritto di farsi un'idea del nostro sito. Questo non e' forse 
peggiore della discriminante scelta tra sito "freddo di solo testo" e 
sito "con la grafica per gli altri"?




Maggiori informazioni sulla lista webaccessibile