[webaccessibile] axis

Maurizio Boscarol maurizio a usabile.it
Gio 10 Giu 2004 01:25:39 CEST


Michele Diodati wrote:

>Come tu stesso scrivi, 'axis' agisce "nell'ambito dei dati": è un attributo a cui si legano valori semantici, non presentazionali 
>

Io trovo molto dubbia l'idea che il valore di alcuni attributi possa 
essere semantico, e il valore di altri presentazionale. Capisco il 
senso, ma la trovo una cosa che concettualmente mi lascia perplesso. Mi 
spiego: mi sta bene che attributi e marcatori diversi possiedano diverso 
valore semantico piuttosto che strutturale, perché sono predefiniti, e 
per tutti significano o dovrebbero significare le stesse cose. Sono 
semantici o strutturali (o entrambi) per definizione, potremmo dire.

Ma lasciare che ad assumere valore semantico sia il valore di un 
attributo, cioè qualcosa che viene scelto dall'utente in maniera 
arbitraria, senza alcuna dtd (a differenza dei linguaggi derivati da 
xml, che definiscono elementi, e non valori di attributi) mi sembra un 
po' una forzatura. Ma può darsi che sia solo una mia idea, ci devo 
riflettere un po'.

Quel che più mi convince, invece, è:

>2. le classi svolgono una funzione di presentazione: se le si usa anche con un valore semantico, ciò potrebbe andare in conflitto con l'uso degli stili ad esse associate (nel senso che si potrebbe voler formattare diversamente delle celle che appartengono invece alla stessa classe concettuale).
>
>  
>
(..)

>4. l'attributo class è stato progettato per contenere una serie di nomi separati da spazi, il che restringe la possibilità di nominare le categorie a delle parole uniche. Invece il valore di axis può essere un elenco di voci separate da virgola, il che rende possibile anche la definizione di nomi di categoria composti da più parole separate da spazi, allargando di fatto la gamma dei nomi possibili.
>  
>
Benissimo. Questi due argomenti mi sembrano necessari e sufficienti per 
giustificare l'attributo axis. Che possiamo, per capirlo meglio, 
comunque, considerare come un modo per definire delle classi di dati. Mi 
sembra più facile rispetto all'esoterico nome che gli hanno dato (e al 
sostanzialmente nullo uso che per ora se ne fa...)  ;-)

Grazie, ciao

Maurizio



Maggiori informazioni sulla lista webaccessibile