R: [webaccessibile] E poi dicono di MS....

Michele Costabile michele.costabile a gmail.com
Mer 9 Giu 2004 14:59:19 CEST


Un punto interessante  che una buona standardizzazione delle
tecnologie che la gente usa per scrivere applicazioni (HTML, DOM,
Javascript) sarebbe stata necessaria anche per evitare che chi si
presenta con una proposta migliore prenda il mercato.
Se qualcuno ha dei dubbi, potete provare a guardare la documentazione
di XAML e Avalon sul sito  Microsoft. XAML  un formato XML per la
definizione di interfacce e Avalon il supporto run time cheincapsula
gli widget di Windows.
Sar tutto molto facile da usare, molto flessibile, efficace e
proprietario e tanti auguri al resto del mondo. Le tecnologie standard
possono diventare irrilevanti se una tecnologia proprietaria  diffusa
ovunque ed  facile da usare e efficace.
Per questo penso che la proposta di Opera e Mozilla sia importante,
rilevante e tardiva, e il W3C dovrebbe solo esserne contento.



On Wed, 9 Jun 2004 14:25:17 +0200, Roberto Castaldo <r.castaldo a iol.it> wrote:
> 
> Livio:
> "the membership (W3C) has many more server-side people than client-side
> people, and most of the client-side people are plug-in vendors, not browser
> vendors"
> E poi...
> "The truth is that the real Web, the Web that authors write for, is the
> Windows IE6 Web. The only way to change that is to reduce the IE6 market
> share, and new technologies don't do this. Marketing does. Once users are
> primarily using a browser that is being regularly updated, then we can start
> introducing radically new technologies. Until then, such technologies simply
> aren't going to become popular."
> 
> Roberto C:
> Sono dei miti!!! Server-side e client-side people  da ricordare!!!
> Per il resto, un gran bel manifesto :-)
> 
> Roberto C.
> 
> _______________________________________________
> webaccessibile mailing list
> webaccessibile a itlists.org
> http://itlists.org/mailman/listinfo/webaccessibile
>



Maggiori informazioni sulla lista webaccessibile