RE: [webaccessibile] Usabilità per non vedenti

Next Design | Luca Mascaro ::. info a next-design.net
Gio 3 Giu 2004 23:34:23 CEST


>Rispondo con molto ritardo a questo interessantissimo messaggio di Luca
>Mascaro:

Ciao Maurizio, era ora, al tempo non mi aveva seguito nessuno nel discorso
:)

>Un vecchio studio di Jared Spool notava che gli HR, se visti (ad esempio 
>senza gli stili che li nascondono, nel nostro caso) davano a molti 
>utenti l'impressione di essere a fondo pagina e rendevano meno probabile 
>che gli stessi utenti continuassero l'esame verso il basso. I costumi 
>web sono cambiati e i pochi utenti che visualizzano la pagina senza 
>stili forse sono fra i più smaliziati (tranne il caso degli ignari 
>utenti di NN4, che però non credo siano molti), però varrebbe la pena 
>approfondire la questione. Ad ogni modo, mi sembra interessante la 
>proposta di inserire gli HR dentro ai paragrafi.

Si mi avevi parlato di quesli studi, che però a mio vedere oggi
cambierebbero di sicuro i risultati dopo anni di assorbimento di web da
parte degli utenti. La questione degli hr dentro i p favorisce gli utenti
ciechi perché introduce una certa separazione temporale tra le sezioni, più
lunga di una separazione temporale in lettura di un testo.

>Fammi capire. Se metto un paragrafo con un link "salta al contenuto" 
>prima dell'h1, questo crea problemi ai motori? E se metto una semplice 
>immagine trasparente? E se metto una lista? Mi sembra abbastanza assurdo 
>non poter inserire un P prima dell'H1... i motori di ricerca non 
>indicizzerebbero tutti i giornali esistenti, allora, per via 
>dell'occhiello...

No è che alcuni motori minori o anche lo stesso google a volte nel testo
descrittivo finisce per scriverti ".... Indice dei contenuti: link, link,
link.... Testo dell'h1" e questo è un po fastidioso, chiaramente non è una
colpa diretta del sito in questione ma al limite dell'algoritmo di recupero
dati di google.

>Comunque il suggerimento è molto importante, e nasce da un incontro a 
>Lugano, presente anche Luca, dove ci rendemmo conto (lo sapevamo, ma ci 
>apparve evidente come un'illuminazione cosa questo comportava...) che 
>Jaws legge prima di tutto il TITLE dell'html, che compare come titolo 
>della finestra. Il che rende del tutto pleonastico la ripetizione 
>nell'H1 del body, che diventa una noiosa ripetizione e che il cieco che 
>stava facendo la dimostrazione avrebbe voluto poter saltare. Dunque il 
>salto al contenuto andrebbe inserito PRIMA dell'H1, a patto che il TITLE 
>del documento sia significativo.

Si effettivamente in merito a quanto mi ricordi, feci anche la domanda se
ripetere il title nell'H1 nella loro ottica fosse accettabile, e la risposta
fu che è accettabile solo perché possono saltarlo, quindi in un ambiente
altamente progettato per essere usato da soli ciechi una duplicazione del
title sarebbe superflua.

>Questa è una cosa che ho sempre temuto. Noi mettiamo, sì, le nostre 
>belle ancore interne, ma molti non vedenti non riescono in quel modo ad 
>avere una percezione corretta dell'intera struttura del documento, 
>perché a saltare avanti e indietro finisci per non capire più cos'è che 
>non hai ancora visitato. Il rischio concreto è che questi utenti si 
>basino solo sui link che trovano nei pressi del contenuto, o comunque 
>all'inizio delle pagine, e ignorino le liste di link (i menu) che, 
>linearizzati, si trovano in fondo al documento, soprattutto se queste 
>liste sono molte. Ad esempio, è ben possibile che i ciechi leggano la 
>prima lista successiva al contenuto (se hanno avuto interesse ad 
>arrivare fin lì, ma seguiranno con maggiori probabilità i link che gli 
>sembrano più interessanti e che si trovano verso l'inizio di queste 
>liste. Se ci sono 3 o 4 liste di menu, è dubbio che se le leggano tutte. 
>Il che rende molti design piuttosto complicati da rendere usabili per i 
>non vedenti. Il profumo dell'informazione che questi sentono è molto 
>diverso da quello dei vedenti, anche se la pagina è accessibile e 
>impeccabilmente organizzata. Non so se sono riuscito a spiegarmi.
>D'altra parte mettere i menu in cima è ancora peggio, perché così si 
>devono saltare tutte le liste per arrivare al contenuto. Non vorrei 
>sembrasse che suggerisco questo.

I problemi qui sono appunto due, il primo è che l'indice dei contenuti così
chiamati non da un corretto senso a se stesso (vogliamo parlare di profumo
dell'informazione fine a se stesso :) e quindi bisognerebbe porvi rimedio
dal lato lessicale e semiologico (si dice così???)

Il secondo è quello poco discusso delle ancore interne che creano
effettivamente una grande limitazione d'orientamento all'utente che non può
percepire l'intera pagina per esteso. Questo a mio vedere potrebbe essere
risolto in maniera banale descrivendo la struttura della pagina all'inizio
dei documenti, voi che ne dite?

Luca Mascaro





Maggiori informazioni sulla lista webaccessibile